mercoledì 8 luglio 2015

Consigli: Libri da mettere in valigia!

Banner facebook 2

Chi di voi non ha mai letto un libro sotto l’ombrellone in spiaggia o su un’amaca in campeggio? Probabilmente è capitato a tutti, quindi ecco qui qualche consiglio su che libro mettere in valigia!

In vacanza, quello che si cerca è completo relax, quindi niente libri alla Tolstoj o mattoni come I miserabili. Vi propongo invece cinque libri easy, molto più leggeri e contemporanei, oltre che spensierati. Spero possano interessarvi! ^^

(Cliccando sull’immagine si apre il link alla scheda ufficiale del libro con info e prezzi)

GIRL ONLINE – Zoe Sugg

Girl online

SINOSSI “Con lo pseudonimo Girl Online ogni giorno scrive un blog. Nascosta dietro al suo nickname, Penny condivide i suoi pensieri e le sue emozioni più vere sull'amicizia, l'amore, la scuola, la sua famiglia un po' assurda e quei terribili attacchi di panico che condizionano drammaticamente la sua vita. Proprio quando le cose stanno davvero prendendo una brutta piega i genitori le organizzano un viaggio a New York. Qui incontra Noah, bello, anzi bellissimo, e per di più chitarrista eccezionale. Penny si innamora per la prima volta e racconta ogni minuto di questo sogno sul suo blog. Ma anche Noah ha un segreto: talmente grosso che rischia di far saltare la copertura di Penny e rovinare per sempre l'amicizia con il suo migliore amico.”

RAGAZZE IN BIANCO – Jennifer Close

Ragazze in bianco

SINOSSI “La loro amica Kristi stava per sposarsi. Erano tutte felici per lei. Erano tutte damigelle. E non ne potevano più. Un cuore spezzato, che stavolta ci mette un po' di più a tornare intero. Qualche drink di troppo - peccato che il mal di testa duri per tutto il giorno dopo. Una serata tra amiche per farsi quattro risate, anche se c'è poco da ridere: il prossimo weekend, ennesimo matrimonio di una ex compagna di college...
Benvenuti nel mondo di Isabella, Mary, Lauren e le loro amiche, le
quasitrentenni di oggi. (…)
Eleganti e newyorchesissime nei loro abitini pastello, tra un pettegolezzo e un sorso di champagne, le ragazze fanno i conti con quella cosa che si chiama maturità, e che è arrivata in punta di piedi: mentre le altre hanno tutte un altare che le aspetta, il lavoro che sognavano e fantastici progetti di vita, Isabella ha un appuntamento al buio con un gay, Mary una cotta per il capo, e Lauren un pesce rosso di nome Willard...”

LA RICETTA SEGRETA DELLA FELICITÁ – Jules Stanbridge

La ricetta segreta della felicità

ESTRATTO “Con un imminente rientro al lavoro, decido di schiarirmi le idee e di fare un’altra torta Victoria per le mie colleghe in ufficio. Cucinare lenisce i dolori dell’animo. Se devo essere sincera, sono terrorizzata all’idea di tornare in ufficio. Metto il frullatore alla massima velocità. Il pensiero di tornare alla routine di una multinazionale multimilionaria che a malapena si accorge della mia esistenza, e dover avere a che fare con il mio capo che è una maniaca del controllo, mi riporta alla domanda che mi sono costantemente posta negli ultimi mesi. La mia vita è tutta qui?Okay, c’è la nota spese, l’Audi con gli interni sportivi parcheggiata nel vialetto di casa, i viaggi e lo stipendio che mi permette di comprare non uno ma ben due paia di Manolo; c’è tutto questo... Ma mi rende felice? Davvero felice? Medito su questa domanda mentre lecco il cucchiaio con l’impasto del dolce, ma conosco già la risposta.”

VOGLIO UN MONDO ROSA SHOKKING – R.Canevari, V.Fiume

Voglio un mondo rosa shokking

ESTRATTO “Devo chiedere a qualcuno di spararmi nel caso mi capitasse di incontrare un idiota come Alberto e decidessi di lasciare che diventi il mio ragazzo per più di due ore. Dire che è avaro è assolutamente dire poco. Si è piazzato a casa per più di un anno e non ha praticamene mai fatto il gesto di collaborare alle nostre spese. Va bene che mia sorella guadagna un po’ di soldi, va bene che siamo nel mondo delle pari opportunità e le differenze tra uomini e donne vanno sempre più riducendosi, ma non capisco con quale dignità lui sia riuscito a fare così lo gnorri. E per tutto quel tempo poi. Lo so bene che è finita l’epoca dell’uomo protettivo, del cavalier servente. E sinceramente sono contenta. Non sopporto quelli che indossano la maschera dei salvatori del genere femminile, con la mano sempre sul portafogli. D’altra parte, proprio per un discorso di vita insieme, non accetto che un uomo, un fidanzato, un marito, abbia, come Alberto, la straordinaria capacità di tirarsi indietro nel momento del bisogno, fino a rendersi mimetico. Sarebbe bastato così poco per non dover affrontare fastidiose litigate economiche. Sarebbe bastato fare a metà delle spese. Oppure riscattarsi in questa fase…”

E LE STELLE NON SANNO A GUARDARE – Loredana Limone

E le stelle non stanno a guardare

ESTRATTO “Borgo Propizio esercitava una malia arcana, che forse si sprigionava dall’aria resa trasparente dalla brezza di pendio, o che sgattaiolava dal grigio delle pietre immortali delle case, dalle ambagi delle viuzze senza tempo. O addirittura dai fugaci movimenti delle tendine di pizzo bianco, inamidate, dietro cui occhi attenti scrutavano fuori, menti scaltre congetturavano sui perché e i percome, parole appassionate rimbalzavano di bocca in bocca con i necessari ricami, così che ogni fatto, ogni avvenimento, divenisse uno sceneggiato o una spy story.”

 

E voi che libro porterete in vacanza? Siete più stile Kinsella o riuscite a rilassarvi anche con un bel mattoncino alla Hugo?

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti è piaciuto questo post, lascia un commento...fa sempre piacere ricevere un feedback! ;)