venerdì 9 febbraio 2018

Recensione (Review Party) + Intervista all'autore | L'ultimo spartano - Matteo Bruno

Buongiorno Readers! Dopo giorni di latitanza torno in grande stile con la mia tappa per un review party davvero interessante! Il libro di cui vi parlerò è infatti L'ultimo spartano, di Matteo Bruno, un romanzo storico intrigante e appassionante che mi ha letteralmente tenuta incollata alle pagine per seguire parola dopo parola le vicende di Filocrate il mercenario, o Filocrate l'Immortale! ;)


Vi ho un po' incuriositi? Ebbene, immagino che dopo la mia entusiasta recensione avrete un pizzico di curiosità in più, soprattutto visto che alla mia personale opinione seguirà una breve intervista all'autore...ma ecco prima qualche informazione sul romanzo!




Titolo: L'ultimo spartano
Autore: Matteo Bruno
Editore: Leone Editore
Data di uscita: 22 Novembre 2017
Pagine: 350
Brossura: 13.90 € (Link Amazon)

MATTEO BRUNO nato a Perugia sotto il segno del Leone, è laureato in Scienze politiche e coltiva da sempre la passione per la storia. Ha collaborato con l’Università degli Studi di Perugia e scrive sceneggiature per documentari e docufilm. L’ultimo spartano è il suo quarto romanzo storico dopo Oro, sole e sangue (2013), Dodici città (2014) e Syracusa – La vendetta di Nicone (2015), tutti editi da Leone Editore.

TRAMA I Balcani sono in fermento. Il giovane re macedone Alessandro Magno ha appena invaso il Medioriente per ampliare il suo dominio. Un mercenario greco, Filocrate di Megalopoli, viene allora inviato in missione a Sparta, per convincere re Agide a rivendicare l'indipendenza della polis e costringere così Alessandro a rivedere i suoi piani di conquista. Tra combattimenti, intrighi e tradimenti, Filocrate si guadagnerà la stima degli spartani e si troverà a guidare i leggendari soldati dai mantelli rossi in un'ultima disperata battaglia per la libertà dell'intera Grecia.

Dopo aver letto ed amato Syracusa.La vendetta di Nicone, avevo ben alte aspettative per questa mia seconda lettura dell'autore, fortunatamente queste non sono state deluse perchè in men che non si dica mi sono ritrovata imbrigliata nella storia, trasportata sulle rive del fiume Granico all'alba della battaglia contro i macedoni, poi in un tortuoso viaggio per il Peloponneso sino alle porte di Sparta, di fronte al Re Agide.
"Questa è la storia di un mercenario, di un re e di una donna baciata dagli dei. è una vicenda di onore e di coraggio, di valore e di senso del dovere, ma anche di nefandezze, di turpi inganni e vili tradimenti. è la storia di un anello magico, di un popolo cocciuto ancorato a tradizioni ossidate dalla patina del tempo e di una conquista implacabile sospinta dall'avanzare della modernità."
Un'intrigante avventura al fianco di Filocrate di Megalopoli, un protagonista dal carattere solitario e leale, forte e determinato, ma anche leggermente arrogante come un buon mercenario dev'essere. Coi suoi occhi e le sue parole si entra subito nel vivo dell'azione e in particolare degli intrighi militari e strategici in cui si ritrova immischiato, una tela di macchinazioni che lo porteranno a scoprire le sue origini e ad aprire il suo cuore.

Sullo sfondo, un'implacabile Grecia, soggiogata dal tiranno macedone, il grande Alessandro che per una volta è antagonista delle vicende. Ciò che infatti più mi ha incuriosita è stato il fatto di vivere la guerra da un altro punto di vista, conoscerne gli intrecci e le mosse del "nemico". Come probabilmente non tutti saprete, ho un'adorazione smisurata per Alessandro Magno ed è la prima volta che mi ritrovo invece a fare il tifo per la controparte, non tanto per i persiani, quanto per i greci, quel popolo citato solo agli inizi dei racconti sulle grandi gesta del Conquistatore che tuttavia ho scoperto avere un punto di vista tutt'altro che solidale.

Ad arricchire la complessità della trama e il fascino della narrazione storica, Matteo Bruno utilizza uno stile per certi versi semplici e diretto che è però caratterizzato da particolari termini propri della contestualizzazione storica, come i nomi dei diversi indumenti o le definizioni militari riguardo alcuni eserciti in particolare, o ancora più affascinanti i richiami alle tradizioni. In particolare è Sparta che conosciamo, in un tempo lontano dalla famosa vittoria di Leonida e i trecento, in un momento in cui la grande dinastia di Eracle si trova a dover affrontare dei cambiamenti, accettare le innovazioni o estinguersi per orgoglio.


Come avrete capito, un'ambientazione perfettamente curata e una ricostruzione e rievocazione storica decisamente ben fatta. Un punto forte del romanzo che a mio parere ha dato quella marcia in più a una storia già molto appassionante. Anche questa volta, l'autore ci regala un vortice di guerra, potere e conquista trasportandoci nel passato di un grande popolo e facendoci vivere emozioni uniche e avventure impensabili.

Una lettura che ho amato e che mi ha conquistata, con la sua intensità e i suoi drammi, oltre a dei ben pensati colpi di scena che vivacizzano la narrazione, aumentandone la scorrevolezza. La mia valutazione è dunque un meritato 5/5, pieni voi per una storia ricercata ma dai valori semplici quanto intensi.
Consiglierei questo libro... a chi è in cerca di una lettura scorrevole capace di trasportare in un passato tanto lontano quanto intrigante e affascinante.



BREVE INTERVISTA ALL'AUTORE

Ed ora, ecco una breve intervista all'autore, Matteo Bruno, per chi fosse curioso di conoscerlo meglio...tre domande che ho scelto tra tutte quelle che avrei voluto porgli e che mi hanno molto incuriosita sugli altri suoi due romanzi e soprattutto su quelli in arrivo! ;)

Leggendo i tuoi romanzi si intuisce ad ogni parola la tua passione per la storia antica, quello che però mi incuriosisce molto è quale dei contesti storici che hanno ispirato i tuoi romanzi ti sta maggiormente a cuore, quale di questi è quello che più hai amato descrivere e approfondire, studiandone le tradizioni e incastrandoci le vite dei personaggi. 
"Certamente le passioni per la storia e per la scrittura sono le molle principali che mi danno il carburante necessario a portare a termine l’impresa della stesura di un testo. La tua domanda è molto interessante e permette anche a me di riflettere su degli aspetti che sono solitamente trascurati. Devo dire che ho amato tutte le mie ambientazioni, ciascuna delle quali ha costituito per me un vero e proprio viaggio nel tempo e nello spazio, però per venire finalmente alla risposta, direi quella di Dodici Città. Forse perché è stata la prima in cui mi sono immerso totalmente, o forse perché in essa ho descritto luoghi a me molto cari e familiari, immaginandoli così come dovevano apparire 2500 anni fa. Parlo in particolar modo della mia città (Perusna, in etrusco) del lago Trasimeno e della mitica leggenda d’amore ad esso collegata. È stato davvero emozionante".

Parlando di personaggi, i protagonisti dei romanzi che hai scritto sono tutti bene o male degli eroi, con i loro punti deboli ma soprattutto con il loro estremo valore, ma ognuno con un proprio passato e una propria coscienza, ebbene, con quale personaggio di quelli che hai approfondito maggiormente, costruendone l'essenza attraverso le parole, ti sei maggiormente trovato in sintonia? 
"Splendida domanda anche questa. A differenza di quanto detto sopra, il protagonista di Dodici Città – Dardano – è probabilmente quello con cui sento minor empatia a livello personale. Tra gli altri devo dire che Filocrate di Megalopoli (o Filocrate l’Immortale, come ben presto si farà chiamare nel prosieguo della storia), ossia l’ultimo spartano che rimarrà sul campo, spicca di una spanna su tutti. Ebbene sì: mi piacciono i protagonisti poco ortodossi".


Dopo aver esplorato il Nuovo Mondo, le civiltà etrusche, le origini della Magna Grecia e con quest'ultimo romanzo il Peloponneso, quale sarà la prossima ambientazione storica in cui trasporterai i tuoi lettori? 
"Ad essere sincero non lo so! O meglio, posso affermare che per il momento tralascerò il mondo antico poiché, dopo L’Ultimo Spartano, ho scritto due altri manoscritti, l’uno di ambientazione tardo-medioevale e l’altro di ambientazione ottocentesca. Quale di questi vedrà la luce per primo però non so dirlo".


E dopo queste ultime rivelazioni intriganti, vi lascio pieni di curiosità...magari alla ricerca della libreria più vicina per immergervi nelle avventure di Filocrate! ;)

Vi aspetto per il prossimo post, un abbraccio! ♡

4 commenti:

  1. Mi piacciono molto i romanzi storici, quindi lo aggiungo alla mia lista :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ilaria! Questo decisamente merita, spero ti piacerà! :)

      Elimina
  2. Caspita, lo leggerò volentieri !

    RispondiElimina

Se ti è piaciuto questo post, lascia un commento...fa sempre piacere ricevere un feedback! ;)